Porfido trentino Esperienza e Materiali di qualità

  • Home
  • Pavimentazione in porfido

Pavimentazione in Porfido

Il porfido è una pietra naturale molto resistente

Questo tipo di pietra naturale viene spesso utilizzata per applicazioni all'esterno poiché è molto resistente sia al forte freddo sia a temperature decisamente elevate. Lo possiamo trovare perciò in particolare in vari tipi di pavimentazioni (dai bolognini o sanpietrini a lastre di modeste dimensioni). Questa roccia viene utilizzata per pavimentazioni esterne o stradali perché è dotata di una scabrosità naturale (superficie antisdrucciolo), in quanto ha una superficie polimineralogica ed è composta da minerali aventi parametri di usura differenti.

La varietà cromatica e le possibili lavorazioni e finiture fanno del porfido una pietra naturale particolarmente versatile, adatta a conferire ad ogni realizzazione un alto senso estetico e un carattere funzionale inimitabile.

Il porfido viene inoltre frantumato e vagliato per produrre granulati, ghiaietti, stabilizzati o ciottoli di porfido.

[ Guarda le nostre realizzazioni: Pavimenti in pietra ]

Contattaci e richiedi un preventivo gratuito. Restiamo a vostra disposizione per qualsiasi informazione relativa ai materiali ed alla posa in opera.

Pavimentazione in porfido per esterni

È possibile trovare il porfido er pavimentazioni nelle seguenti forme



Piastrelle piano naturale lati tranciati

Le piastrelle piano naturale lati a spacco sono lastre squadrate mediante macchine che tranciano le coste per compressione ed hanno una superficie naturale antiscivolo. Sono suddivise in tre gruppi a seconda dello spessore: Sottili con spessore variabile da 1,5 a 3 cm, Normali con spessore da 2 a 6 cm e Grosse con spessore da 5 a 9 cm. Sono disponibili diverse larghezze da 10 a 40 cm, con multipli di 5 cm, mentre le lunghezze normalmente sono a correre ma si possono richiedere anche a misura fissa. Sono particolarmente indicate per restauri, per motivi architettonici, nella pavimentazione dei centri storici, zone pedonali, vialetti, portici e cortili.

Piastrelle piano naturale lati segati

Le piastrelle piano naturale con lati segati sono prodotte con macchine segatrici a dischi diamantati e devono avere i lati paralleli e gli angoli di 90 gradi. Le regolarità del taglio sulle coste permette l'accostamento delle piastrelle con fughe di minimo spessore. Sono suddivise in base allo spessore ed alla larghezza e la lunghezza può essere fissa o a correre. Utilizzate per arredare piazze, strade, portici e marciapiedi in qualsiasi contesto climatico.

Piastrelle piano lavorato fiammato

Sono ottenute da lastre segate da blocco piano disco, sottoposte a spacco termico (fiammatura) riportando la superficie ad una colorazione sia cromatica che tattile molto simile a quella naturale, eliminando, però, le irregolarità proprie di quest’ultima. I lati sono fresati e lo spessore è fisso (2, 3 o 4 cm). La larghezza varia da 20 a 40 cm e la lunghezza è a correre o a misura fissa. Le piastrelle fiammate vengono impiegate principalmente per pavimentazione di ingressi, terrazze, interni e rivestimenti verticali.

Piastrelle piano lavorato spazzolato

Le piastrelle spazzolate sono comunemente chiamate anche "piastrelle anticate". Sono ottenute da lastre segate da blocco piano disco, quindi sottoposte a fiammatura e successivamente spazzolate con mola diamantata di varie granulometrie. L’operazione di spazzolatura rimuove le irregolarità superficiali rimaste con la fiammatura, ottenendo quindi una superficie più chiusa e liscia al tatto, riproducendo la lucentezza data dall'usura. La superficie delle piastrelle anticate è decisamente più facile da pulire rispetto al piano cava e al piano fiammato, in quanto questa non trattiene la polvere e lo sporco. Vengono utilizzate per pavimentazioni di ingressi, terrazze ed interni e per piani bagno e/o cucina.

Lastre in porfido irregolari

Il lastrame irregolare, detto anche mosaico, palladiana, opera incerta, opus incertum a causa della forma irregolare delle lastre di porfido, è ricavato direttamente da una prima selezione del materiale grezzo proveniente dalla cava. La faccia superiore è in piano naturale senza eccessive rugosità o variazioni di piano ed i bordi a spacco irregolare. Grazie alla sua grande resistenza, ai suoi effetti cromatici ed alla sua semplicità, è indicato per cortili, vialetti, terrazze, giardini che vengono arricchiti di questa bellezza dal sapore antico.

Cubetti in porfido

I cubetti vengono realizzati uno per uno a mano. Seppur con l'ausilio di macchinari moderni, il risultato sta nell'abilità dell'operatore che taglia e seleziona i cubetto in base allo spessore della lastra. I cubetti a misura fissa 10x10 cm sono prodotti per poter effettuare pose a file diritte alla romana o a file ortogonali. Si producono anche cubetti con piano fiammato o piano sega per essere lucidati in opera, con spessore costante. I cubetti vengono forniti sfusi, in casse di legno o big bags.

Definiti anche "Bolognini" o "Sanpietrini", con la loro adattabilità, forniscono la risposta ideale per ogni tipo di superficie. La forma, ottenuta per spaccatura meccanica, e la grande varietà di colori, permettono ai posatori molteplici soluzioni estetiche, che spaziano dalla classica posa ad arco contrastante, alle più ricercate pose a coda di pavone o a disegni geometrici.

I cubetti di porfido sono elementi da pavimentazione con i quali si creano suggestive geometrie di posa e splendide simmetrie: a ventaglio o coda di pavone, ad archi contrastanti oppure a file parallele. Ogni singolo cubetto nasce dallo spacco sapiente delle lastre di porfido; in questo modo viene mantenuta l’originale facciata del piano naturale. Nei suoi diversi formati viene utilizzato per qualsiasi pavimentazione esterna garantendo un comodo calpestio.

Ciottoli

I ciottoli di porfido sono elementi caratterizzati dalla forma arrotondata reperiti generalmente dai fiumi che li rende immediatamente utilizzabili senza ulteriori lavorazioni e che ben si presta a creare superfici compatte e sufficientemente piane. Utilizzati in particolare per pavimentazioni quali completamento di marciapiedi o viottoli.

Il richiamo di un tempo passato per un pavimento di ciottoli di porfido o un muro a secco vecchio stile. Con forme rotondeggianti o a preferenza di tutte le forme creano incredibili effetti visivi; requisiti decorativi e ornamentali quindi per questo prodotto.

Binderi

Sono elementi la cui forma ricorda grossolanamente un parallelepipedo e sono ottenuti per spaccatura meccanica. La produzione standard dei binderi viene divisa in due categorie: normali (da 10x5/8, da 10x8/11 e da 12x10/15) e giganti (da 12x15/20 e da 14x15/20). Utilizzati per il contenimento e la delimitazione delle pavimentazioni, ma anche come vero e proprio elemento per pavimentare, essi hanno la faccia superiore a piano naturale, ben squadrata e con i lati paralleli. I binderi costituiscono il filo da ricamo che i progettisti usano per disegnare le piazze, le pavimentazioni in genere o per dar forma ad aiuole, isole pedonali e giardini.



Pavimentazione per interni